sabato 21 gennaio 2012

Fra Campanaio

Teodoro Celli (Fra Campanaio, Stenterello) iniziò a occuparsi di enigmi sul “Giornalino della Domenica” di Vamba. Fu poi fedelissimo del “Lumino da notte” di Fra Bombarda e rimase entusiasta “luminaio” per tutta la vita. Non conosco la sua data di nascita, morì a Roma nel 1974. Con questa cartolina del 1931 chiede a Cameo una copia del “Prontuario redatto da Malatesta”. Della possibile stampa del “Prontuario” si trattava in “Penombra” del gennaio 1931 e il volumetto uscì nello stesso anno (ne ho parlato in un post del 21 settembre 2009).


2 commenti:

  1. Avendo frequentato negli anni '50 la famiglia Celli a Milano, ho potuto raccogliere notizie e fotografie della "vita" degli enigmisti affiliati a Il Lumino da Notte, le cui testatine erano opera di mio padre, Giovanni Tiella, pure accanito enigmista.

    RispondiElimina
  2. Molte grazie per l'interessante notizia.

    RispondiElimina